Loading the content... Loading depends on your connection speed!

Opzioni di ricerca

Cerca
Energy and Infrastructures are key factors for understanding the economic relations between Italy and the Mediterranean Area. SRM proposes in-depth analysis on both sectors, particularly focusing on ports system and new energy networks and corridors.

Showing all 4 results

Competitività logistica e sviluppo economico nei paesi del Mediterraneo

Sostieni i nostri progetti di ricerca, registrati e acquista il rapporto

Questo paper si propone di analizzare la competitività logistica dei paesi che si affacciano sul bacino del Mediterraneo. In quest’area, baricentrica per i flussi di merci che viaggiano lungo le rotte est-ovest attraverso il canale di Suez e per quelli in direzione nord-sud che utilizzano lo short sea shipping, il traffico marittimo è più che raddoppiato dal 2000 al 2013. Le stime dei più importanti istituti di ricerca confermano il trend di crescita anche per i prossimi anni. Questo lavoro si propone dunque di valutare la competitività logistica dei paesi che si affacciano sul Mediterraneo anche alla luce dei driver che stanno plasmando il divenire dello shipping, il gigantismo navale e le grandi alleanze, nonché della politica di alcuni paesi di arricchire la propria offerta con le Zone Economiche Speciali.

Questo rapporto è estratto dal Quarto Rapporto Annuale di SRM “Economic relations between Italy and the Mediterranean area – Novembre 2014″.
Le versioni in inglese e in italiano possono essere acquistate solo su questo sito in versione digitale ad costo ridotto.

Share
Dettagli
Le relazioni logistiche tra l’Italia e il Mediterraneo

Sostieni i nostri progetti di ricerca, registrati e acquista il rapporto

A partire dai primi anni ‘90 si assiste ad un progressivo rafforzamento del ruolo del Mediterraneo nelle principali direttrici di traffico marittimo. Oggi nel Mediterraneo transita il 19% dell’intero traffico marittimo mondiale: circa 1,4 miliardi di tonnellate di merci; il 30% del petrolio mondiale e quasi i 2/3 delle altre risorse energetiche destinate all’Italia e agli altri Paesi europei attraversano quest’area, comprese quelle trasportate dai gasdotti sottomarini. In questo contesto, l’obiettivo del rilancio dell’Italia quale asse strategico dei traffici all’interno del Mediterraneo è possibile: l’Area Med assorbe circa l’8% dell’export italiano (più degli USA); gli scambi commerciali tra l’Italia e i Paesi del mediterraneo sono fortemente aumentati tra il 2000 e il 2012 (+86,8%) e circa il 70% degli scambi commerciali avviene via mare. Dal lato dell’offerta infrastrutturale, la Sponda Sud del Mediterraneo sta attraversando una fase di rinnovamento: se fino a un decennio fa i porti del versante meridionale avevano un ruolo marginale nei servizi marittimi deep-sea, lo sviluppo dei terminal di transhipment prima in Egitto e poi in Marocco ha segnato l’ingresso di questi paesi nella gestione del traffico di container.

Questo rapporto è estratto dal Terzo Rapporto Annuale di SRM “Economic relations between Italy and the Mediterranean area – November 2013″.
Le versioni in inglese e in italiano possono essere acquistate solo su questo sito in versione digitale ad costo ridotto.

Il Mediterraneo al centro dei flussi di traffico e della logistica mondiali

L’articolo presenta un focus sul settore dei trasporti e della logistica nel Mediterraneo. L’Italia, e in modo particolare il Mezzogiorno, ha la possibilità di sfruttare la favorevole posizione geografica e la consolidata tradizione marinara per assumere il suo naturale ruolo di piattaforma logistica al centro del Mediterraneo. È importante sottolineare, tuttavia, che tali potenzialità hanno bisogno di un mercato della logistica ben strutturato, che sia in grado di trasformarle in un reale sviluppo economico e territoriale.

Gratis!
La competitività del sistema portuale del Mezzogiorno: situazione e prospettive

L’articolo presenta una panoramica della dimensione economica ed operativa delle infrastrutture portuali del Mediterraneo, con un focus particolare sui traffici nei porti italiani. L’obiettivo principale è definire e inquadrare in maniera compiuta il posizionamento logistico del nostro Paese nel bacino del Mediterraneo, evidenziando inoltre le modalità più opportune per consentire all’Italia di trarre vantaggio dall’intensificazione dei rapporti tra le ricche regioni nord europee e le aree mediterranee più periferiche.

Gratis!

SOCI FONDATORI E ORDINARI

Mobile version: Enabled